Ospedale San Giuseppe

 
6.4

La struttura

Questa struttura risulta nel suo complesso buona e nell'ultimo periodo la sua valutazione è stabile.

E' un ospedale grande e questo è un vantaggio perché le strutture più grandi generalmente possono sostenere i costi delle professionalità e delle tecnologie necessarie a garantire il massimo livello di efficienza e sicurezza.

E' un ospedale specializzato che gestisce molti pazienti in reparti specializzati.

L'ospedale ha una copertura mediatica bassa, con notizie che ne parlano generalmente in maniera neutra.


6 Recensioni

Ho avuto modo di conoscere direttamente questo reparto per un'operazione ginecologica (fibroma uterino), apprezzandone la competenza della maggior parte del personale medico, nonché la cura prestata da quello infermieristico. Il reparto è piccolo, è vero, ma questo può anche far sentire un po' più "a casa". L'aspetto umano e la vicinanza emotiva sono stati un elemento importante, al pari della competenza, che ho in generale potuto riscontrare. Qualche difficoltà/lentezza invece nel prendere contatto/appuntamenti tramite la parte amministrativa.
Riferito al reparto di OSTETRICIA E GINECOLOGIA

Anna Tomba

Vado in ospedale per effettuare un prelievo di sangue per un test genetico, prenotato privatamente. Che dire, non esiste un punto informazioni quindi è già difficile orientarsi; per di più una volta giunti nel reparto giusto, non c'è un minimo di servizio e di assistenza. Bisogna attendere che qualcuno ti passi davanti con un passo sufficientemente lento da riuscire a fermarlo, sperando che ti dica che sì, è il tuo turno. Quattro appuntamenti fissati esattamente allo stesso orario e inoltre non esiste una corrispondenza tra il nome del medico sulla ricevuta dell'appuntamento e quello che poi effettuerà la procedura (questioni burocratiche dicono). Una volta in ambulatorio sono stata liquidata dalla dottoressa con una brochure informativa del laboratorio che processerà il campione .... insomma 2 ore di trafila, per 3 minuti di procedura. Ma perché dovrei tornarci?

Francesca Elle

Arrivo in ospedale per malessere generale, nausea e vomito, giramenti di testa e sudorazione fredda. Al mattino avevo fatto una banale antitetanica, quindi da ignorante mi sono preoccupata ulteriormente. Il problema é stato che anziché darmi qualcosa per il vomito ed escludere il fatto che fosse dovuto al vaccino, perché lavoro in un ambiente con aria condizonata quindi poteva esser stato anche quello, ma io per scrupolo sono voluta andare a farmi vedere, cosa ha fatto il grande genio del medico? A mia insaputa mi ha somministrato Bromazepan un calmante che mi ha reso praticamente una ameba! E poi ci credo che stavo meglio ero uno zombie. Tornata a casa mi son messa a letto e alle 3 di notte quando mi é finito l'effetto del calmante o ripreso a vomitare ancora la cena di ieri! Ok magari non era il vaccino il problema, ma permettete che uno si preoccupi? Mi da un calmante e scrive che sono sotto evidente stato di stress. Ma chi nn é stressato oggi giorno? Ho avuta una banale congestione! Dammi un plasil e fammi pagar é il ticket ma non imbottirmi di psicofarmaci dicendomi ce questa éla prassi! Se questa éla prassi fate schifo! Non si cura la gente così!

ProtShaker

Sei Mesi d'attesa, ai quali si aggiungono un mese (avvertito il giorno prima), e un altro (questa volta neanche mi hanno chiamato, me lo hanno detto solo perchè ho chiamato io per confermare il giorno prima).
L'operazione vendutami come routine, con sole due settimane di riabilitazione "tanto per", si trasforma in "sei mesi di riabilitazione".
La cicatrice, anch'essa vendutami come praticamente irrilevante, è irregolare, difforme, e di oltre 4,5 cm.

Un lavoro da carnefici, nessuna cura del paziente, tempi d'attesa assurdi, ritardi, personale scortese.

Non mi farò mai più sfiorare nel pubblico, ma soprattutto non metterò mai più piede in quest ospedale.

Barbara Osca

Un ringraziamento dal profondo del cuore al Dott. Serafino e alla D.ssa Dello Strologo del reparto di Oculistica, per l'intervento riuscito benissimo e per l'amore che mettono nel lavoro che fanno. Medici che sono soprattutto delle persone, questo è un grande pregio. Con affetto, Barbara Osca

Renzo Iannone

Un pensiero d’infinita gratitudine al prof. Paolo Nucci e al dr. Massimiliano Serafino della Clinica Oculistica Universitaria dell'Ospedale San Giuseppe di Milano, che con superiore competenza, genialità e umanità in un solo intervento hanno completamente guarito mio figlio Matteo da un forte strabismo complicato da una grave visione doppia. Un ringraziamento speciale a tutti i collaboratori del prof. Nucci per la preparazione e la perizia dimostrata nello svolgimento della loro professione. Infine, un sincero ringraziamento e apprezzamento all'Ospedale San Giuseppe nel suo complesso, dove abbiamo trovato decoro, pulizia, gentilezza e competenza. Renzo Iannone

Specializzazione


Cerca una patologia per vedere come viene curata in questo ospedale:

Reparti

Contatti

CUP / Prenotazioni

da rete fissa: 800638638
da rete mobile: 800638638



Ospedale San Giuseppe

via san vittore, 12 - milano (MI)
Telefono: 02 8599 4532
Vai al sito